Idratazione e disidratazione

Bere acqua fa bene. Durante le camminate all’aria aperta è consigliabile mantenere la giusta idratazione. Camminare o fare attività fisica, soprattutto in estate, fa sudare molto e genera una forte dispersone di liquidi.

Mi capita spesso d’incontrare sportivi , più o meno esperti, che indossano un vestiario inadeguato alla stagione, si allenano in orari troppo caldi e non si reidratano, convinti che questo aiuti a dimagrire! Tralasciando i primi due argomenti parliamo dell’importanza di una corretta idratazione durante l’attività motoria o in caso di un clima troppo caldo.

Avere la “bocca asciutta”

Un segnale tardivo di disidratazione è la sensazione di “bocca asciutta”, quando avvertiamo questo sintomo siamo già in uno stato di disidratazione abbastanza importante.

Il nostro corpo si mantiene fresco facendo evaporare liquido dalla nostra pelle sotto forma di sudore. Il sudore è composto di acqua, sali minerali, acidi e molte altre sostanze in piccole quantità, prodotto dai circa tre milioni di ghiandole sudoripare, sparse in tutto il corpo. La sudorazione oltre che a regolare la temperatura corporea elimina sia sostanze di scarto, tossine, ma anche sostanze utili necessarie all’attività fisica. Un’eccessiva sudorazione, non integrata, può causare mal di testa, crampi e dolori muscolari, carenza di attenzione, difficoltà di concentrazione, ma anche abbassamento della pressione sanguigna e aritmie cardiache. Per questo è molto importante tenere sotto controllo la traspirazione, perché sudare eccessivamente può portare ad una disidratazione e ad una eccessiva perdita di sali influenzando negativamente le prestazioni fisiche e, sicuramente, non aiuta a perdere peso.

Integratori salini

È fondamentale bere prima, durante e dopo l’attività, un paio di bicchieri d’acqua mezzora prima di cominciare, ¼ di litro ogni 15/20 minuti durante l’allenamento e un buon integratore dopo.

Qual è la reale efficacia di queste magiche bevande? In commercio si trovano moltissimi varietà di bevande isotoniche che, pur non essendo pericolose per il nostro organismo, contengono una gran quantità di coloranti o aromi che è preferibile evitare. Si ricorre a queste bibite solo in presenza di un’abbondante, continua e consistente perdita di liquidi. Gli atleti professionisti che si sottopongo a sforzi prolungati per più ore al giorno, maratoneti di alto livello, perdono anche 5 litri di sudore durante una competizione, hanno sicuramente bisogno d’integrare le perdite con prodotti specifici che sono forniti, sempre, dal personale medico che li segue. Ma per tutti quelli che svolgono un’attività amatoriale, il più delle volte si consiglia l’acqua, la sana, fresca ed economica acqua, di fonte è meglio ma va bene anche quella del rubinetto.

Integratori casalinghi

Se proprio vogliamo assumere un integratore consiglio l’acqua di cocco, una bevanda naturale che presenta un contenuto molto basso di zuccheri, grassi e calorie. La si ricava estraendo il liquido presente nelle noci di cocco ancora verdi e, può essere acquistata online o nei negozi di alimentazione naturale.

Per chi volesse provare un integratore fatto in casa, mi viene in mente la “ricetta della Nonna” per una bevanda sicuramente meno gustosa di quelle in commercio ma più sana, e forse anche più efficiente:

Da una bottiglia di 1,5 litro di acqua, consiglio sempre di acquistare acqua a Km 0, ne togliamo circa un bicchiere, aggiungendo un cucchiaino scarso di “fior di sale”, questo è la parte più pregiata del sale marino, dove sono presenti sostanze come zinco, ferro, magnesio ecc., lo troviamo ad un prezzo estremamente ragionevole anche nei supermercati. A questo aggiungiamo il succo di ½ limone o arancia, stando attenti a non mandarci dentro i semini, agitiamo il tutto e voilà il nostro integratore è pronto. Sano, funzionale, dal sapore abbastanza gradevole ed economico, a differenza di quei concentrati di coloranti e zuccheri che vorrebbero propinarci e che spesso non apportano nessun beneficio.

Massimo Bolini

Massimo Bolini

Sono un romano con una grande passione per la montagna. Ho scalato le vette più famose al mondo, dalle Dolomiti alla Hymalaya. Sono una guida alpina e istruttore di Nordic Walking. Accompagno le persone alla scoperta delle bellezze naturalistiche dei Parchi Nazionali Italiani, e, nella Pineta di Castelfusano a Roma, pratico il “Walking Green” un’attività che permette di osservare, gustare, assaporare la natura in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi