Passeggiando per Prato: La città dal cuore dolce

PASSEGGIANDO PER PRATO: “LA CITTÀ DAL CUORE DOLCE”

Durante la manifestazione eatPRATO dall’8 al 10 giugno 2018 sarà possibile conoscere la città grazie a un itinerario che alterna il gusto alla bellezza artistica e architettonica.

La città dal cuore dolce non è uno slogan: sono più di 60 tra maestri artigiani pasticceri e cioccolatieri a Prato, e relative pasticcerie e cioccolaterie, da scoprire ad ogni angolo passeggiando tra monumenti e opere d’arte contemporanea.

Camminando nell’antico nucleo urbano, raccolto entro le mura trecentesche, che vede il suo centro ideale e geometrico nella Piazza del Comune – non perdete la visita al Palazzo Pretorio sede dell’omonimo Museo – si stagliano nel cielo le case-torri, caratteristica della Prato medievale, edificate tra l’XI e XIII secolo dalla nobiltà feudale per motivi di prestigio e ancora oggi presenza iconica.

Sorprende l’imponente mole del Castello dell’Imperatore unica testimonianza, nell’Italia centro-settentrionale, della scuola architettonica sveva sviluppatasi attorno alla figura di Federico II.

Il Duomo, esempio d’architettura romanico-gotica pratese, le chiese di San Francesco e di San Domenico, raffinata struttura gotica in pietra alberese e mattoni, l’Oratorio della Madonna del Buonconsiglio custodiscono opere di grandi maestri – Agnolo Gaddi, Paolo Uccello, Filippo e Filippino Lippi, Donatello, Andrea della Robbia – e famosi artisti del Trecento e del Rinascimento.

Passeggiando a Prato: La città dal cuore dolce

Ma proprio Lippi, il cui ciclo pittorico nella Cappella maggiore del Duomo con le Storie di S. Stefano e del Battista dipinto tra il 1452 e il 1464, la dice lunga su quanto Prato rappresenti una sorpresa continua. «Scene che sono assai più che un capolavoro del Rinascimento pittorico fiorentino. Dopo il ciclo di Masaccio al Carmine, sono l’impresa più importante e più ricca di futuro per la storia del nostro Quattrocento artistico» – Antonio Paolucci, storico dell’arte.

A partire dalla basilica cattedrale, vero scrigno dell’arte tra Trecento e Quattrocento, è da non perdere l’itinerario di Filippo Lippi a Prato: un percorso a piedi, nel centro storico, tra musei e chiese, per conoscere le opere che il grande pittore e suo figlio Filippino lasciarono in città.

Una città capace di sorprendere, con i grandi nomi dell’arte e dell’architettura antiche ma anche con quelli dell’espressione contemporanea e con la creatività del tessile, la cui storia viva è conservata nel Museo del Tessuto, che all’interno di un ex edificio industriale, conserva un patrimonio tessile che spazia dal III al XX secolo, dai tessuti archeologici alle fibre sintetiche più innovative.

A Prato il segno contemporaneo, l’arte del XX secolo, è una presenza viva: non solo grazie al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci con una splendida collezione e mostre a rotazione, ma è un museo a cielo aperto con tante opere integrate nel paesaggio e nello spirito del luogo. È il caso della “Forma squadrata con taglio” di Henry Moore in Piazza San Marco, uno dei simboli di Prato, oppure l’opera “Prometheus Stranling the Vulture II” dello sculture lituano Jacques Lipchitz in Piazza del Comune.

Città in fermento, tra movida e mete cult di ricerca e innovazione, Prato è oggi una delle destinazioni europee più giovani: indirizzi fashion, cocktail bar, locali di tendenza, gallerie, spazi culturali, stili di vita emergenti.
Si respira un’atmosfera frizzante nelle strade del centro: dalla storica piazza Mercatale a Via Settesoldi, Via Santa Trinita, Via Pugliesi e per finire la serata con un gelato, al nuovissimo gusto appena nato “eatPrato”, o sorseggiando un cocktail al Giardino Buonamici, a base di Vermouth Bianco di Prato artigianale il Nunquam.

Per informazioni sulla manifestazione visita il sito www.eatprato.it
EatPRATO ORARI 9.30-24.00 – INFO 0574/24112

eatPrato L'arte del gusto

Italiaapiedi Magazine

Italiaapiedi Magazine

Italia a piedi è un "magazine online" dedicato al mondo del turismo e una "associazione culturale non-profit" che promuove il turismo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie di terzi per analizzare il traffico. Per dettagli o per gestire il consenso, leggi la Privacy Policy and la Cookie Policy