“Tesori dalla Valnerina” in mostra a Spoleto fino al 5 novembre

“Tesori dalla Valnerina” fino al 5 novembre a Spoleto

Tesori dalla Valnerina la mostra alla Rocca Albornoziana, Museo Nazionale del Ducato di Spoleto, è visitabile fino al 5 novembre.

L’esposizione a cura di Marica Mercalli, Antonella Pinna e Rosaria Mencarelli è realizzata con le opere tratte in salvo dal terremoto e già restaurate. Trenta opere straordinarie raccontano la forza di reagire dell’Umbria.

Insieme al biglietto viene consegnata la speciale Card che dà diritto a sconti e agevolazioni nei Musei dell’Umbria e principali Festival dell’Umbria.

“Anche chi ha già visto la mostra avrà un buon motivo per tornarci, poiché verranno esposte nuove opere restaurate. Si tratta di opere che provengono da edifici danneggiati dal terremoto e che sono state messe in sicurezza o restaurate a tempo di record, grazie alla collaborazione con l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze e con i Musei Vaticani e all’impegno di restauratori umbri.” (cit. Fernanda Cecchini, Assessore alla Regione Umbria)

La mostra “Tesori dalla Valnerina” nasce da un’intesa tra Regione Umbria e Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per dare conto di un primo intervento di messa in sicurezza e restauro di un gruppo di 30 opere provenienti dalle chiese danneggiate dalle scosse di terremoto e dal Museo della Castellina di Norcia, anch’esso chiuso per inagibilità. Le opere sono state prelevate dagli edifici, grazie al grande lavoro delle squadre formate dai tecnici del Ministero, dai Vigili del Fuoco, dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, dall’Esercito e dai volontari della Protezione Civile, e quindi ricoverate nel deposito di sicurezza in località Santo Chiodo di Spoleto, di proprietà della Regione Umbria e concesso nella fase ‘emergenza’ al MiBACT per tutte le attività di salvaguardia dei beni culturali.

In aiuto a questo territorio, nelle settimane successive al terremoto è intervenuta anche la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze che ha costituito una vera e propria task-force di giovani restauratori fiorentini diplomati dell’Opificio delle Pietre Dure. La scelta delle opere da esporre ha voluto mettere in luce anche l’intervento generosamente offerto dai laboratori dei Musei Vaticani. Devozione popolare, tradizione artigiana, natura etnoantropologica dei beni che sono esposti, particolarità che fanno dell’arte della Valnerina un unicum nel contesto dell’arte umbra dal XIII al XVII secolo. La presenza, tra le altre opere, anche di una campana proveniente dal campanile dell’Abbazia di Sant’Eutizio di Preci è stata voluta per rappresentare, tra le tante campane ricoverate al Santo Chiodo, gli edifici e segnatamente i campanili distrutti dal sisma: sono i simboli, spesso, di quanto oggi non esiste più, come nel caso delle campane di Castelluccio di Norcia.

Il buon andamento della mostra conferma la felice intuizione del progetto regionale Scoprendo l’Umbria, all’interno del quale si colloca l’esposizione. Il progetto, realizzato per valorizzare i musei umbri dopo il terremoto e per lanciare un messaggio di una terra che reagisce agli eventi anche attraverso il proprio patrimonio culturale, oltre ad essere una iniziativa molto seguita sui social, con 6300 fan sulla pagina Facebook dedicata e con 136mila visualizzazioni dei video sui musei, si è dimostrata uno strumento efficace di sinergia tra la realtà dei musei ed i Festival umbri. Altro traguardo raggiunto dal progetto è quello l’adesione di oltre 80 musei umbri che, condividendo la campagna, offrono ai visitatori della mostra sconti sugli ingressi grazie alla speciale Card ‘Scoprendo l’Umbria’ distribuita con il biglietto della mostra.

La produzione della mostra “Tesori dalla Valnerina” è affidata a Sistema Museo.

Italiaapiedi Magazine

Italiaapiedi Magazine

Italia a piedi è un "magazine online" dedicato al mondo del turismo e una "associazione culturale non-profit" che promuove il turismo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi