Il “Caffè Coppedè„ di SinergieSolidali

«CAFFÈ COPPEDÈ» IL NUOVO EVENTO DI SINERGIE SOLIDALI

Il nostro Magazine incontra l’associazione Sinergie Solidali che sabato 16 marzo 2019, dalle 16:00 alle 23:30, organizza un evento multidisciplinare dedicato al bellissimo Quartiere Coppedè, nato “da un’idea di Azzurra Baggieri”. Una chiacchierata con l’ideatrice dell’evento e il presidente di SinergieSolidali APS, Riccardo Leolini.

Azzurra, puoi raccontare ai nostri lettori il tuo «Caffè Coppedè»?

Azzurra Baggieri: «Caffè Coppedè» è il titolo che abbiamo voluto dare a questo nuovo evento di SinergieSolidali, tutto dedicato al quartiere progettato nella seconda decade del ‘900 dall’architetto Gino Coppedè.

Con la presentazione del libro, la visita guidata e la mostra di quadri e fotografie – selezionati con la call for artists “Ambasciatori del Coppedè” – proporremo un caffè letterario, un luogo d’incontro per celebrare la bellezza e lo stile stravagante di questa “chicca” del quartiere Trieste.

Speriamo di riuscire nel nostro intento. Insieme agli artisti coinvolti (ben 15): Daniele Botti, autore del romanzo “Caffè Coppedé”, l’attrice Michetta Farinelli che leggerà alcuni brani tratti dal libro, il gruppo Absolue trio jazz e l’architetto Stefano Mavilio che ci guiderà alla scoperta del Coppedè, parleremo del Nostro Quartiere, delle sue forme e dei suoi misteri!

«Caffè Coppedè» è “un romanzo giallo dallo humor nero” edito nel 2016 da Alter Ego Edizioni. Azzurra, che cosa ti ha sedotto del racconto di Daniele Botti?

Azzurra Baggieri: L’evento trae ispirazione proprio dal libro “Caffè Coppedè” di Daniele Botti. Un libro piccolo, dalla copertina accattivante, un giallo ambientato al Coppedè che ha attirato la mia attenzione soprattutto per il finale, del tutto inaspettato, e per diverse scene molto comiche raccontate dall’autore.

Anche il protagonista, il Commissario Tinca, è di certo un personaggio che mi ha sedotta. Lo scrittore lo rappresenta come un commissario di polizia dai comportamenti poco edificanti: non è il classico commissario, eroe delle vicende, ma uno sbandato, spostato, violento che ama i manga e che indaga sui delitti con metodi alquanto discutibili.

Alcune descrizioni sul Coppedè misterioso e alcune scenette comiche verranno lette dall’attrice Michetta Farinelli: i personaggi e i luoghi prenderanno così vita, facendoci sentire più vicini al libro. Ragazzi non vedo l’ora!

«Caffè Coppedè» è un invito alla lettura, una visita guidata e un versissage di opere degli autori che hanno risposto alla call for artists. Lo chiediamo a Riccardo Leolini, presidente dell’associazione SinergieSolidali: siete soddisfatti della risposta dei vostri “Ambasciatori del Coppedè”?

Riccardo Leolini: Si, siamo molto soddisfatti della risposta dei nostri “Ambasciatori del Coppedè”. Questa call ha avuto una tematica molto specifica e non mi sarei mai immaginato tanta partecipazione! Mi ha sorpreso soprattutto la bellezza delle opere in concorso: mi sarei aspettato qualcosa di bello eppure nulla di così bello.

Mariavittoria Ponzanelli

Mariavittoria Ponzanelli

Digital PR, Web Copywriter, Web Director. Dal 2012 è Social Manager di ©romaapiedi.com – progetto per un turismo più social. Nel 2016 fonda il Magazine Italia a piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa cookie di terzi per analizzare il traffico. Per dettagli o per gestire il consenso, leggi la Privacy Policy and la Cookie Policy